Joey Alexander | The European Music Agency
The European Music Agency works on a national, European and worldwide level with many leading and influential figures on the jazz scene. We are headed by a dynamic and experienced team which is involved in every aspect of production, booking and publicity for all its contracted artist.
jazz, jazz scene, music agency, jazz artist
17853
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-17853,bridge-core-2.3.3,qode-music-2.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,vss_responsive_adv,vss_width_768,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-21.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

JOEY ALEXANDER

Joey Alexander è il talento più brillantemente precoce della storia del jazz. Nato nel 2003 a Bali, Alexander è il musicista più giovane mai nominato per un Grammy Award in una categoria jazz. Acclamato dai media ha guadagnato la Prima Pagina sul New York Times e altri importanti giornali.

WARNA è il suo album di debutto con la Verve Records. Con questo suo ultimo lavoro, Joey Alexander si pone come uno dei pianisti-compositori più espressivi ed elettrizzanti della scena mondiale del jazz.
WARNA è il quinto album del giovane musicista e compositore arrivato dopo averne incisi quattro con la casa discografica Motéma Music. I suoi precedenti lavori gli hanno valso tre nominations ai Grammy e riconoscimenti dalla critica. Ha vinto nei sondaggi dei lettori delle storiche riviste DownBeat e JazzTimes. Ma mentre questi lavori erano realizzati da uno straordinario giovane musicista in via di sviluppo, WARNA è una raccolta riflessiva e commovente di un esperto e abile capofila. Joey Alexander non è più “solo” un musicista prodigio del jazz. Quello che ha Alexander è un sorprendente dono melodico e una grande attitudine alle collaborazioni. Al fianco del giovane pianista, il bassista Larry Grenadier e Kendrick Scott. Ma non solo. Vi sono anche il percussionista Luisito Quintero e la flautista Anne Drummond.

Nel suo modo dolce e sobrio, Alexander dice del suo nuovo album: “Volevo condividere con le persone il mio lavoro originale basato sulle mie esperienze sulla strada e sul palco suonando con diversi musicisti e le conversazioni”. Questo potrebbe sembrare la motivazione di un qualsiasi altro musicista, ma nessuno può vantare a 16 anni il vissuto di Alexander.

A proposito di Joey Alexander

È arrivato a New York nella primavera del 2014 esibendosi durante il Galà annuale di raccolta fondi del Lincoln Center. I suo arrivo è stato come un fulmine. In un teatro affollato, in cui sedevano alcuni dei più importanti benefattori delle arti d’élite di Manhattan, Alexander ha lasciato tutti senza fiato grazie alla sua interpretazione di “Round Midnight”. Da quel momento il percorso di Joey Alexander è stato tutto con l’acceleratore e senza una frenata.
Nella primavera seguente, il New York Times scriveva

For a jazz pianist, the mastery entails a staggering breadth of knowledge about harmony, rhythm and orchestration, all converging in an eloquent synthesis. Joey Alexander has a handle on a good deal of that.

Alexander ha suonato al fianco di molti grandi musicisti. Ma senza dubbio l’esibizione con Wayne Shorter ed Esperanza Spalding alla Casa Bianca per Obama rimarrà tra gli episodi più significativi.

there has never been anyone … who could play like that at his age (Wynton Marsalis)