Roberta Gambarini | The European Music Agency
The European Music Agency works on a national, European and worldwide level with many leading and influential figures on the jazz scene. We are headed by a dynamic and experienced team which is involved in every aspect of production, booking and publicity for all its contracted artist.
jazz, jazz scene, music agency, jazz artist
16308
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16308,bridge-core-1.0.6,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,vss_responsive_adv,vss_width_768,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

ROBERTA GAMBARINI

Roberta Gambarini è un caso quasi unico nel panorama jazz mondiale: senz’altro è l’unica cantante che in pochissimo tempo è riuscita a conquistare il mondo del jazz a stelle e strisce – copertine di blasonati magazine comprese – partendo dall’Italia e eleggendo a sua dimora la Grande Mela. Nata a Torino, dopo un’adolescenza trascorsa sui palchi jazz del Nord Italia, la cantante piemontese vince una borsa di studio al New England Conservatory of Music. Ma la sua strada cambia improvvisamente perchè, dopo appena tre settimane di permanenza, conquista il terzo posto nel prestigioso concorso Thelonious Monk International Jazz Vocal e inizia la sua scalata. Nel 2006 pubblica l’album Easy to Love, lavoro che cattura in brevissimo tempo critica e pubblico diventando un caso discografico internazionale e ricevendo anche una nomination al Grammy Award.
Da quel momento la sua carriera è stata una continua ascesa e il suo nome in pochi anni è diventato tra i più presenti nei cartelloni internazionali. Una voce unica la sua e un talento straordinario che le ha permesso di esibirsi con tantissimi numi tutelari del jazz: “ Ho avuto l’opportunità di lavorare con quelli che erano i miei idoli di bambina: è stata la cosa
più eccitante ed esaltante della mia vita. Di tutti gli incontri, tra i più importanti c’è stato quello con Benny Carter, che mi ha onorato della sua amicizia e mi ha preso sotto la sua ala protettiva per cinque anni. E poi ci sono stati tra gli altri James Moody, Hank Jones, Toots Thielemans, Herbie Hancock, Michael Brecker. Queste sono le mie più belle soddisfazioni”. Di lei il Boston Globe ha scritto “è lei la vera erede di Ella Fitzgerald, Sarah Vaughan e Carmen McRae.