Dee Dee Bridgewater | The European Music Agency
The European Music Agency works on a national, European and worldwide level with many leading and influential figures on the jazz scene. We are headed by a dynamic and experienced team which is involved in every aspect of production, booking and publicity for all its contracted artist.
Dee Dee Bridgewater
16288
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16288,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,vss_responsive_adv,vss_width_768,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

DEE DEE BRIDGEWATER

Dee Dee Bridgewater, la Signora del jazz, torna dopo 5 anni di silenzio discografico. Il nuovo album, Feathers, è stato voluto dalla cantante per celebrare il 10° anniversario della devastazione di New Orleans da parte del Tornato Katrina. Feathers è stato registrato con la New Orleans Jazz Orchestra sotto la direzione musicale di Irvin Mayfield.
Tra le cantanti più amate al mondo, Dee Dee Bridgewater, ha costellato la sua splendida carriera con un numero sconfinato di riconoscimenti.  Tra questi, il Tony Award of Broadway (migliore attrice nel musical “The Wiz”), il Laurence Oliver Award (Miglior attrice nel musical “Lady Day”), e ha vinto tre Grammy Awards (2011 Best Jazz Vocal album per “Eleanora Fagan: To Billie with Love from Dee Dee Bridgewater) nel 1998 come Best Jazz Vocal Performance e Best Arrangement Accompanying (per “Cottontail” con gli arrangiamenti d Slide Hampton) con l’album “Dear Ella”.
I primi contatti con il jazz gli ha avuti prima ancora di iniziare a camminare. La madre sin da piccolissima le faceva ascoltare i più grandi album di Ella Fitzgerald.  Proprio Ella  è diventata una fonte di ispirazione per Dee Dee durante tutta la sua carriera. Suo padre era un trombettista e un didatta che ha insegnato musica, tra gli altri, a Booker Little, Charles Lloyd e George Coleman. Questo, il background che ha segnato in maniera indelebile l’adolescenza di Dee Dee.

Il debutto di Dee Dee Bridgewater

Il debutto ufficiale nel grande jazz è stato fenomenale. A New York, nel 1970, è stata scelta come cantante per la band guidata da Thad Jones e Mel Lewis, una delle più grandi orchestre di quegli anni . Il periodo newyorkese favorisce una carriera precoce e proprio nella Grande Mela comincia a esibirsi in concerti e a partecipare a registrazioni con giganti come Sonny Rollins, Dizzy Gillespie, Dexter Gordon, Max Roach e Roland Kirk.
Nell’ottobre del 1999 viene nominata ambasciatrice presso le Nazioni Unite come portavoce per la ‘Food and Agriculture Organization (FAO)”, dove si unisce alla battaglia contro la fame nel mondo facendo appello alla solidarietà internazionale per finanziare progetti globali di base, per lo sviluppo in autonomia dell’agricoltura sostenibile, lo sviluppo rurale e la conservazione e la gestione delle risorse naturali a lungo termine.